Ecco gli argomenti Top di cui parlano le donne!

donne

 

 

- Le proprie passioni: a una donna piace molto parlare delle sue passioni, dei suoi hobby, come cucinare, leggere libri ecc..

- Le donne amano parlare di viaggi; viaggi fatti, viaggi che si vorrebbero fare, parlare delle cose fatte in viaggio, delle persone conosciute, dei cibi e ristoranti ottimi da consigliare ecc.

- Ovviamente un argomento che non può mancare sono i libri; libri letti, libri preferiti, libri da consigliare, libri da farsi consigliare. Poi dipende da quale fascia di età ci si rivolga, se è una donna di 40/50 anni sicuro parlerà di libri come “Cuore”, “Cime Tempestose” e cose del genere, se invece la donna/ragazza ha sui 20 anni, parlerà dei tipici libri di adesso “Cinquanta sfumature di grigio” ecc.

- Oltre ai libri  alle donne piace parlare dei film: film al cinema, film in tv, film che le hanno fatto innamorare, sognare, piangere e così via.

- Animali: adorati animali, come non parlare di loro? Tutte le donne, ragazze, parlano di animali, animali in generale; cani, gatti, criceti, cavalli. Non solo di animali in sè, ma anche delle passioni e degli sport che si fanno con gli animali, come l’equitazione.

La matematica per le donne è un vero problema!

matematica-marka-324

 

Se la matematica non è un opinione, di certo non è nemmeno una materia facile per le donne!

La matematica a quanto pare di femminile ha solo il nome. I fatti dimostrrano che la matematica è una materia in cui le donne non sono brave. Lo afferma l’ultimo rapporto Ocse-Pisa del 2012 che raccolto e valutato tutte le performance scolastiche dei quindicenti da ogni parte del mondo.

In base all’indagine eseguita gli studenti maschi risultano più bravi delle studentesse femmine, di fronte al test identico per entrambe i sessi, le ragazze ottengono 11 punti in meno rispetto il sesso opposto. In Italia la differenza risulta ancora più marcata; con ben 18 punti di differenza per le donne, peggio dell’Italia c’è solo Austria, Perù, Colombia, Lussemburgo, Cile, Costarica e Liechtenstein.

Il motivo di questa differenza? Semplice, le donne sono più portate per le materie umanistiche!

“«La differenza nei risultati riflette la differenza di genere nella motivazione, nella spinta e nella fiducia in se stessi”. Le ragazze “anno meno costanza, un più basso livello di apertura alla soluzione dei problemi, livelli più bassi di motivazione a imparare la matematica e più alti livelli di ansia. Sono propense, inoltre, ad attribuire la non riuscita a se stesse più che a fattori esterni”

Ballerine del Teatro “La Scala” 1 su 5 soffre di anoressia e bulimia

Mariafrancesca-Garritano-007

 

In una intervista fatta a  una delle star della compagnia di ballo; “Anoressia e bulimia sono una costante tra le mie compagne”

Mariafrancesca Garritano, afferma che la bulimia e l’anoressia sono una delle malattie più frequenti tra le sue compagne di ballo.  Una su cinque delle ragazze del corpo di ballo soffre di anoressia e rivela, che proprio per questo motivo secondo lei, molte di loro non saranno in grado di avere figli.

Mariafrancesca dichiara: ” Dietro lo scintillante mondo del balletto, non è tutto rose e fiori e la pressione, le rivalità, i disturbi sono quelli dipinti in The Black Swan, lo psicodramma che ha regalato un Oscar a Natalie Portman”.

La Garritano ha scritto anche un libro autobiografico: “Quando ero adolescente, gli istruttori mi chiamavano ‘mozzarellà o ‘gnocco cinesè davanti a tutti: limitai così tanto il cibo che le mestruazioni mi saltarono per un anno e mezzo, a 16 e 17 anni, e scesi a 43 chili”. La maggior parte delle ballerine non hanno il ciclo mestruale proprio a causa di diete risultate al limite.

“Mangiavo una mela e uno yoghurt al giorno, affidandomi all’adrenalina per superare le prove” – “ alcune vennero alimentate a forza in ospedale, altre colpite da depressione e sono in terapia ancora oggi. Io soffrii di gravi dolori intestinale e frequenti fratture ossee, dovute -credo – al tipo di dieta”.

“Pare che non sia cambiato nulla. Troppo spesso le maestre sono ex ballerine frustrate che fanno agli altri quello che è accaduto a loro: i genitori pensano che le loro figlie siano in buone mani e perdono i contatti con le ragazze che instaurano una relazione religiosa con lo specchio degli esercizi, i loro insegnanti e il pubblico”

Francesca una lotta contro il tumore – L’ho battuto sei volte!

guidelli

 

Francesca Guidelli Guidi, ha combattuto il tumore e per sei volte lo ha vinto.

Ha 56 anni un marito, due figlie, un lavoro come impiegata a Sant’Orsola ed è una scrittrice. Con sei tumori alle spalle tutti differenti tra loro; “e iniziato tutto quando avevo 23 anni, nel 1980, sono stata colpita da un linfoma di Hodgkin, un tumore al sistema linfatico. Per sconfiggerlo mi sono sottoposta alla cobaltoterapia dell’epoca, che chiamavano mantellina o Y rovesciata, per l’estensione delle irradiazioni emanate. Come, appunto, una mantellina”

Francesca è una donna con la D maiuscola, ha lottato e ne è uscita vincitrice “La malattia si affronta, poi si vive. E le ferite vere sono quelle del cuore”.Non ha perso il sorriso, e si racconta con serietà e tranquillità, non ha fatto terapie speciali ma ha sempre e comunque lottato.

Ora la donna si ritrova senza la milza, tre segmenti del destro, la pleura sinistra e mezzo polmone sinistro, il pericardio sintetico e la corda vocale sinistra ricostruita, per via della malattia era diventata muta. Tre costole sono sintetiche ed è stata operata a tutte e due le mammelle per due tipi di tumori diversi, “il mio corpo è pieno di cicatrici. Ho la mia storia incisa sulla pelle”.

“Quando sei malato non puoi più permetterti di non scegliere. Devi per farlo per forza: se stai fermo, muori. Devi decidere se stare a casa o andare in ospedale a curarti. Qualsiasi cosa tu faccia è una scelta”.